Archivio tag: terapia

D-Metionina per ridurre la perdita di udito indotta dal rumore

Leonardo Tei nessun commento

Uno studio della Southern Illinois University ha concluso la fase 3 sulla sperimentazione di D-Metionina contro la perdita indotta dal rumore e sembra essere una terapia efficace.

Sperimentazione clinica FX-322 contro tinnito e perdita di udito

Leonardo Tei 7 commenti

Come descritto nel precedente articolo, negli USA si sta sperimentando un possibile farmaco contro la perdita di udito neurosensoriale (SNHL) ed il tinnito. Questo articolo vuole illustrare i vari passi della sperimentazione a chi è curioso di capire meglio come funziona il farmaco e come è strutturato lo studio.

Possibile farmaco contro la perdita dell’udito neurosensoriale: FX-322

Leonardo Tei 3 commenti

La perdita dell’udito neurosensoriale rappresenta circa il 90% di tutti i casi di perdita dell’udito. Un nuovo trial clinico con base a San Antonio, negli USA, ha valutato la sicurezza di FX-322 della Frequency Therapeutics, il nuovo farmaco in questione, somministrato come singola iniezione intratimpanica in soggetti con anamnesi di

Il ruolo della segnale Notch nella funzione delle cellule sensoriali cocleari

Leonardo Tei nessun commento

I sei organi sensoriali dell’orecchio interno dei mammiferi sono responsabili per l’udito e l’equilibrio. Le cellule ciliate meccanosensoriali, le cellule di supporto e i neuroni gangliari a spirale sono tre tipi di cellule essenziali che compongono le regioni sensoriali dell’orecchio interno. La perdita dell’udito è comunemente causata da un danno

Nuove scoperte sul mondo degli Acufeni

Leonardo Tei 4 commenti

Un gruppo di ricerca globale ha fornito nuove conoscenze su come acufeni e iperacusia potrebbero svilupparsi e mantenersi nel cervello. Le cause del tinnito sono ancora in gran parte sconosciute.

Come (con)vivere con l’Acufene

Leonardo Tei nessun commento

Vivere con l’acufene, o meglio convivere con esso, può essere difficile. Ecco alcuni semplici consigli che possono aiutare contro il costante e fastidioso rumore:

Cellule staminali per ripristinare l’udito

Leonardo Tei 4 commenti

Le cellule staminali sono state molte volte considerate come la possibile cura della sordità. Gli studi che si sono susseguiti negli anni hanno fatto fare passi da gigante alla ricerca in questo campo. Lo studio qui descritto è del 2010 e, con i suoi risultati, rappresenta una base importante per gli

Terapia genica della sordità: la sperimentazione sull´uomo

Leonardo Tei 224 commenti

Nel 2014 alcuni ricercatori americani hanno iniziato un trial clinico per testare una terapia genica innovativa per trattare la perdita dell’udito. Si tratta della prima sperimentazione su uomo di una terapia genica contro la sordità. I risultati in vitro sono promettenti. Obiettivo è ripristinare le cellule che “captano” il suono, le cellule ciliate, che sono state

Problemi alla tiroide causa di sordità.

Leonardo Tei 3 commenti

Uno studio della Università di Tel Aviv, in Israele, ha scoperto che uno squilibrio alla ghiandola tiroide può portare alla perdita dell’udito. In particolare i ricercatori, facendo test sui topi hanno scoperto che ci può essere una connessione tra sordità congenita e squilibri degli ormoni della tiroide.

Nanoparticelle contro la Sordità?

Leonardo Tei un commento

Un articolo pubblicato a Luglio 2015 su ACS Nano ha descritto la possibilità di trattare il Parkinson “wireless”, cioè in maniera non invasiva, senza elettrodi ed eliminando il rischio di tossicità con l’utilizzo di biomateriali. Questa tecnica potrebbe essere utilizzata anche contro la sordità.

Un Diuretico contro l’Acufene

Leonardo Tei 4 commenti

Il farmaco furosemide, un comune diuretico, può trattare l’acufene indotto dal rumore. Un recente studio dimostra che il farmaco è efficace se viene assunto subito dopo l’insorgenza dell’acufene. Nuove cure possibili?

Un uomo su due con più di 48 anni soffre di perdita dell’udito

Leonardo Tei nessun commento

Il principale e primo fattore ad influenzare la perdita dell’udito è l’età. Anche il sesso è però estremamente rilevante. Infatti gli uomini sono tre volte più colpiti rispetto alle donne.

Cerca nel sito