Perdita dell’udito improvvisa: definizione e epidemiologia

In questo articolo cercheremo di spiegare cosa si intende per perdita di udito improvvisa e la sua epidemiologia.

Definizione

Un criterio usato per definire la diagnosi è una perdita uditiva neurosensoriale superiore a 30 dB su 3 frequenze contigue di tono puro che si verificano in periodo di 3 giorni.

La stragrande maggioranza dei casi di perdita improvvisa dell’udito è unilaterale.

La prognosi per il recupero dell’udito è generalmente buona.

La sordità improvvisa o improvvisa perdita dell’udito neurosensoriale (SNHL) ha molte cause possibili (leggi qui).

Epidemiologia

Secondo alcuni studi l’incidenza media annua della perdita improvvisa dell’udito neurosensoriale unilaterale è stata di 17,76 casi per 100.000 abitanti.

La distribuzione sembra essere uguale tra i due sessi e quindi il sesso non sembra essere un fattore di rischio.

Tutte le fasce d’età possono essere affette da improvvisa perdita dell’udito. L’età media alla presentazione varia dai 40 ai 54 anni.

Dott. Leonardo Tei

Foto dell'autore
Medico di medicina generale, da sempre vicino ai temi legati all'udito e a tutto quello che ne concerne. Su Cisento.com curo sia gli approfondimenti tecnici che quelli medico-scientifici e sono sempre a disposizione per rispondere a domande o richieste in questo ambito.

Articoli correlati:

 Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Cerca nel sito