2016-05-29_09h52_30

Uno studio condotto dalla prof. di neurobiologia, fisiologia e otorinolaringoiatria Nina Kraus presso la Northwestern University, Illinois negli Stati Uniti, ha rilevato che tra le persone con una determinata perdita dell’udito, i musicisti riuscivano a individuare, processare e ricordare meglio i suoni.

Praticamente chi dispone di una perdita uditiva ma suona anche uno strumento, riesce a rilevare meglio i suoni contro sfondi rumorosi, processarli e perfino a ricordare molto più facilmente ciò che è stato sentito rispetto a quelli che non suonano uno strumento.

La musica allena il cervello!

“Parte di ciò che fanno i musicisti è composto dall’ascolto per capire le armonie e il suono dello strumento. Le performance uditive dei musicisti ipoacusici superano quelle dei non-musicisti con lo stesso livello di ipoacusia. Soprattutto il ricordare ciò che è stato sentito è una abilità necessaria per sentire in ambienti rumorosi ” afferma Nina Kraus.

“I nervi nel cervello dei musicisti rispondono in modo più chiaro e preciso rispetto ai non musicisti. Imparando a suonare uno strumento una persona può sviluppare abilità uditive che migliorano la capacità di sentire i suoni e il parlato “.

E’ importante iniziare ad imparare!

La professoressa Nina Kraus ha analizzato 18 musicisti e 19 non musicisti, di età compresa 45-65 anni, tutti con una determinata perdita dell’udito. Ha testato il loro udito in ambienti rumorosi attraverso il monitoraggio dell’attività elettrica dei nervi nel cervello in risposta ai suoni con elettrodi sul cuoio capelluto.

Anche se lo studio si è concentrato su individui che suonavano uno strumento fin dall’infanzia, la professoressa Kraus crede che l’udito migliorerebbe anche in soggetti adulti che inizino a imparare da zero a suonare uno strumento.

Lo studio è stato pubblicato su Journal Hearing Research.

Fonte: www.dailymail.com

Condividi : Share on FacebookTweet about this on Twitter

Dott. Leonardo Tei

Foto dell'autore
Medico di medicina generale. Attualmente specializzando. Su Cisento.com curo gli approfondimenti medico-scientifici e sono sempre a disposizione per rispondere a domande o richieste in questo ambito.

 Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Cerca