2015-11-30_11h10_55

Un recente studio svedese ha dimostrato che coloro che mangiano molto pesce hanno un udito migliore.

Lo studio ha approfondito e confermato i risultati di precedenti ricerche. E’ infatti nota la relazione tra una dieta ricca di omega-3, che si trova tra le altre cose nei pesci, e la protezione contro la perdita dell’udito.

La ricerca svedese ha analizzato 524 persone di età compresa tra 70-75 anni con diete differenti. E ‘stato dimostrato che l’udito negli uomini che mangiano spesso pesce era relativamente migliore, mentre gli uomini e le donne che hanno mangiano per lo più cibo con carboidrati semplici avevano una perdita di udito nelle frequenze più alte.

La risposta è semplice.
Il pesce fa bene e il junkfood (cioè il cibo dei fast food, spesso con troppi zuccheri e grassi) è cattivo “, afferma Ulf Rosenhall, Professore Emerito e consulente presso la Hearing and balance clinic at Karolinska Universitetssygehuset in Solna, Svezia. Aggiungendo che le persone dovrebbero fare più attenzione a quello che mangiano e al collegamento dieta-udito.

I risultati sopra riportati erano già stati dimostrati in altri studi.

Come avrete notato, è stato scritto che la correlazione si è trovata negli uomini, cioè nel sesso maschile. Lo studio svedese non ha potuto dimostrare un collegamento tra il consumo di pesce e un udito migliore nelle donne. Una ragione di questo potrebbe essere la relativamente piccola dimensione dello studio.

Ma non disperate perché altre ricerche internazionali negli USA e in Australia hanno comunque dimostrato la stessa connessione anche nelle donne.

Con sorpresa lo studio non ha trovato alcun legame tra il consumo di frutta e verdura e l’udito.

Leggi anche qui.

Fonti: www.hrf.se, www.aftonbladet.se

Condividi : Share on FacebookTweet about this on Twitter

Dott. Leonardo Tei

Foto dell'autore
Medico di medicina generale. Attualmente specializzando. Su Cisento.com curo gli approfondimenti medico-scientifici e sono sempre a disposizione per rispondere a domande o richieste in questo ambito.

 Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Cerca