2016-01-20_11h05_42

Sempre più europei con problemi di udito  indossano almeno un apparecchio acustico. In aumento sono anche quelli che utilizzano apparecchi acustici da entrambi i lati.

La percentuale di coloro che utilizzano due apparecchi acustici è in constante aumento.

Questi è il risultato di  uno studio EuroTrak che ha preso in considerazione europei con perdita di udito nel 2009, 2012 e 2015. Gli studi sono stati effettuati in Germania, Regno Unito e Francia.

La percentuale di coloro che hanno una perdita uditiva e che fanno uso di apparecchi acustici è passata dal 33% del 2009 al 37% nel 2015.

Nello stesso periodo, la percentuale  è passata dal 55% al ​​69%, considerando solo coloro che utilizzano due apparecchi acustici.

Di pari passo col numero di apparecchi acustici, è anche aumentata la soddisfazione delle persone con perdita di udito.

Un numero sempre maggiore è soddisfatto del proprio apparecchio acustico. Anche nelle situazioni sonore più difficili, come al telefono e con rumori di fondo.

I portatori di apparecchi acustici sono molto contenti dei nuovi design degli stessi e si sentono molto meno in imbarazzo rispetto a qualche anno fa.

Sembra proprio che le barriere psicologiche stiano crollando.

Sarebbe interessante trovare sondaggi che riguardano i cittadini italiani.

La vita migliora quando si utilizzano apparecchi acustici:

«Siamo estremamente felici che ancora più persone con perdita di udito utilizzino apparecchi acustici. Innumerevoli studi nel corso degli anni hanno dimostrato che è possibile ottenere una migliore qualità della vita, quando si prendono misure contro la perdita di udito. Gli ultimi studi scientifici hanno anche dimostrato che è possibile vivere più a lungo se si utilizzano apparecchi acustici e che l’uso di apparecchi acustici limita il declino cognitivo causato dalla perdita di udito “, dice il segretario generale Kim Ruberg, di hear-it AISBL, aggiungendo: “Sono anche contento che sempre meno persone siano in imbarazzo a portare le protesi acustiche. Non c’è nulla per cui essere imbarazzati“,

In tutto hanno partecipato allo studio circa 135.000 persone tra Germania, Regno Unito e Francia.

Fonte: EuroTrak 2009, 2012 e 2015. www.ehima.com

Condividi : Share on FacebookTweet about this on Twitter

Dott. Leonardo Tei

Foto dell'autore
Medico di medicina generale. Attualmente specializzando. Su Cisento.com curo gli approfondimenti medico-scientifici e sono sempre a disposizione per rispondere a domande o richieste in questo ambito.

 Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Cerca