Due diversi studi effettuati su donne in post-menopausa hanno fornito informazioni sugli effetti della terapia ormonale sostitutiva, o HRT in inglese, sull’udito di coloro che ne fanno uso. I risultati sembrano essere contraddittori!

Uno studio condotto negli Stati Uniti ha rilevato che le donne in post-menopausa che ricevono la terapia ormonale sostitutiva rischiano di danneggiare il loro udito. Le prestazioni nei test dell’udito delle donne trattate con terapia ormonale sostitutiva sono risultate essere fino al 30 per cento inferiori a quelle delle donne che non hanno ricevuto la terapia ormonale sostitutiva.

Lo studio ha incluso 64 donne di età superiore ai 60 anni. La metà di loro era in trattamento con terapia ormonale sostitutiva. Tutte le donne sono state sottoposte a tre differenti tipi di test dell’udito.

Le donne trattate con HRT hanno avuto risultati dal 10 al 30 per cento sotto il livello del gruppo senza terapia in tutti e tre i test. In particolare, le donne in terapia ormonale sostitutiva avevano difficoltà a sentire in situazioni con rumori di fondo, come per esempio un party in casa, in cui il cervello e l’orecchio devono distinguere tra l’informazione uditiva e il rumore di fondo.

Il leader dello studio, il professore Robert Frisina della University of Rochester Medical Center, ha trovato il risultato sorprendente. “Pensavamo che gli ormoni della terapia ormonale sostitutiva avrebbero potuto aiutare le donne a causa della presenza di recettori per gli estrogeni nell’orecchio. Questo risultato è l’opposto di quello che ci aspettavamo”, ha detto.

Un altro studio effettuato in Turchia aveva messo in evidenza che l’uso della terapia ormonale sostitutiva con solo estrogeni poteva essere protettivo per l’udito. Tuttavia, il trattamento con la combinazione di estrogeni e progesterone non aveva questi effetti positivi.

I risultati differenti indicano che la relazione tra HRT e udito sia ancora non chiara. Tuttavia le donne dovrebbero essere avvisate circa il rischio di perdita dell’udito associato almeno con alcuni tipi di HRT.
“I nostri risultati sollevano preoccupazioni”, ha detto. “Le donne dovrebbero parlare con i loro medici prima di prendere questa decisione e di certo, i risultati richiedono studi più approfonditi.“.

Dott. Leonardo Tei

Foto dell'autore
Medico di medicina generale. Attualmente specializzando. Su Cisento.com curo gli approfondimenti medico-scientifici e sono sempre a disposizione per rispondere a domande o richieste in questo ambito.

 Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Cerca nel sito