2015-06-12_10h51_02

In questo articolo cerchiamo di dare una chiarimento sul perché il trattamento bilaterale della ipoacusia sia da incentivare. La spiegazione scientifica si trova nella fisica delle onde sonore.

Il Prof. Dr. B. Laback e il Dr. P. Majdak, ricercatori di Psicoacustica presso lo Istituto per la ricerca de Suono di Vienna, hanno recentemente spiegato sulla rivista Gehört. Gelesen  il perché l’udito binaurale permette una migliore comprensione del parlato e una perfetta identificazione della sorgente sonora.

Riportiamo un esempio: una persona incontra una onda sonora generata alla sua sinistra. Cosa succede?

  • l’onda sonora arriva all’orecchio destro attenuata dalla zona di ombra acustica provocata dalla testa della persona, portando ad una diversità di suono nei due orecchi (Interaural Level Difference, ILD), Fig. 1,
  • l’onda sonora arriva prima all’orecchio sinistro che al destro (Interaural Time Difference, ITD), Fig. 2.

2015-06-12_11h04_53

L’utilizzo della ombra acustica permette a chi sente da entrambi gli orecchi la focalizzazione dell’orecchio sinistro sulla sorgente sonora. Questa focalizzazione è ancor più marcata in presenza di rumori di fondo che mascherano il segnale già attenuato sull’orecchio destro.

In più, l’udito bilaterale è in grado, attraverso la ILD e la ITD, non solo di identificare la posizione di una onda sonora ma, in situazioni in cui si ritrovano molte interferenze  sonore, di reprimere i disturbi.

Da un punto di vista scientifico è quindi importante trattare sempre bilateralmente la perdita uditiva per un udito privo da limitazioni.

Per altre informazioni, leggi anche qui.

Condividi : Share on FacebookTweet about this on Twitter

Dott. Leonardo Tei

Foto dell'autore
Medico di medicina generale. Attualmente specializzando. Su Cisento.com curo gli approfondimenti medico-scientifici e sono sempre a disposizione per rispondere a domande o richieste in questo ambito.

1 Commento

Diminuzione dei potenziali uditivi N1 nei pazienti misofonici [Parte II] |4 dicembre 2015 alle 11:36

[…] FONTE DELLE IMMAGINI: cisento […]

 Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Cerca