Diversi studi in ambito medico hanno dimostrato una correlazione tra un sano sistema cardiovascolare e l’udito. L’esercizio fisico promuove un sano sistema cardiovascolare. Indirettamente, quindi, un regolare esercizio fisico può aiutare il sistema uditivo.

Quando le orecchie funzionano nel modo giusto, le cellule ciliate dell’orecchio interno convertono le vibrazioni acustiche in segnali elettrici al cervello. Il flusso di sangue intorno a queste cellule dell’orecchio aumenta nelle persone in buona forma fisica. Questo potrebbe spiegare perché l’esercizio fisico è un toccasana per l’udito.
Secondo uno studio riportato su Scandinavian Audiology, alcune settimane di allenamento fisico basterebbero a migliorare la capacità uditiva di diversi dB e soprattutto rafforzerebbero le difese contro i danni da rumore alle orecchie.

Le donne in forma con scarso grasso corporeo e che praticano un regolare esercizio fisico sperimentano TTS meno frequentemente rispetto alle persone meno in forma (secondo Medicine and Science In Sports and Exercise).
I TTS (=temporary threshold shift) sono spostamenti temporanei della soglia uditiva, dovuti ad una temporanea perdita di udito dopo l’esposizione ad un suono. Questi spostamenti possono anche diventare permanenti (PTS, =permanent threshold shift).

Studi su persone in posti di lavoro rumorosi hanno dimostrato che le persone in buona forma fisica soffrono meno effetti avversi dal rumore. Mentre il rischio di perdita dell’udito è quasi raddoppiato nelle persone in cattive condizioni.

Naturalmente non è sufficiente avere condizioni fisiche non ottimali per sviluppare una perdita di udito. Nelle ricerche in Medicina si analizzano sempre dati statistici.
Ma certo un sano esercizio fisico non può che far bene, anche all’udito!

Fonti: Medicine and science in sports and exercise; Scandinavian Audiology; Kingsport Times

Dott. Leonardo Tei

Foto dell'autore
Medico di medicina generale. Attualmente specializzando. Su Cisento.com curo gli approfondimenti medico-scientifici e sono sempre a disposizione per rispondere a domande o richieste in questo ambito.

 Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Cerca nel sito