Negli ultimi anni i ricercatori hanno scoperto che alcuni tipi di nutrizione possono ritardare o arginare la perdita dell’udito.

Ancora nessuno ha trovato una cura per la perdita dell’udito, cioè non si può ripristinare il nostro udito in maniera non invasiva. E comunque non del tutto.
Il nostro udito peggiora con l’invecchiamento e alcune persone perdono l’udito dopo esposizione al rumore o per altre cause!

Bassi livelli di folato e vitamina B12 e iperomocisteinemia: un rischio per l’udito!

I ricercatori dell’Università di Sydney hanno esaminato i livelli di folato, vitamina B12 e omocisteina nel sangue e hanno trovato una correlazione con il rischio di perdita di udito legata all’età.

In particolare i dati hanno mostrato che i livelli di folati inferiori a 11 nanomoli per litro erano associati ad un aumento del rischio del 34% di perdita di udito legata all’invecchiamento. Inoltre, i livelli di omocisteina più di 20 micromoli per litro erano associati ad un aumento del 64% del rischio di perdita dell’udito.

Lo studio è stato basato su una popolazione di 2.956 persone con più di 50 anni di età.

Un risultato analogo è stato determinato nel 2009  durante la American Academy of Otolaryngology-Head and Neck Surgery Foundation (AAO-HNSF)  a San Diego, i ricercatori di Boston hanno rivelato che gli uomini al di sopra dei 60 anni con elevata assunzione di folati da alimenti e integratori avevano una diminuzione del 20% del rischio di sviluppare la perdita dell’udito.

Tornando indietro di qualche anno, nel 2007, in uno studio di 728 uomini e donne di età compresa tra i 50 ei 70 anni, gli scienziati dell’Università di Wageningen hanno riportato che supplementi di acido folico ritardano la perdita di udito legata all’età, soprattutto per le basse frequenze.

 

Grassi omega-3

Anche un aumento dell’assunzione di acidi grassi omega-3, contenuti in gran quantità nel pesce, possono ridurre il rischio di perdita di udito legata all’età. I ricercatori dell’università di Sidney hanno osservato, che almeno due porzioni di pesce alla settimana sono associate ad una riduzione del 42% del rischio di perdita di udito negli ultracinquantenni, rispetto a persone che, in media, mangiano pesce meno di una volta alla settimana.

 

Vitamina A

Secondo i ricercatori giapponesi, alti livelli di vitamina A sono associati a una minore prevalenza di perdita di udito. I ricercatori hanno confrontato il livello di vitamina A nel siero con l’udito delle persone nello studio e hanno notato che più alto era il livello della vitamina, migliore era l’udito.

 

Ciò non significa che i suddetti alimenti sono una cura per la perdita dell’udito, ma che hanno una funzione protettiva contro la degenerazione uditiva legata all’età!

Leggi anche qui.

 

Dott. Leonardo Tei

Foto dell'autore
Medico di medicina generale. Attualmente specializzando. Su Cisento.com curo gli approfondimenti medico-scientifici e sono sempre a disposizione per rispondere a domande o richieste in questo ambito.

 Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Cerca nel sito