2017-11-02_15h48_44

La caffeina può influenzare in modo significativo la capacità di recuperare una perdita temporanea dell’udito indotta dal rumore.

Uno studio condotto dall‘Istituto di ricerca presso l’McGill University Health Centre in Canada suggerisce che la caffeina può compromettere seriamente la capacità del corpo di recuperare una perdita di udito temporanea dopo l’esposizione a rumore troppo forti. Inoltre, lo studio ha rilevato che la caffeina può contribuire a un danno permanente che se preso in tempo poteva essere riparato.

“Quando l’orecchio è esposto a rumori forti, si può soffrire di una riduzione temporanea dell’udito, chiamato spostamento temporaneo della soglia uditiva. Questo disturbo di solito è reversibile nelle prime 72 ore dopo l’esposizione, ma se i sintomi persistono, il danno potrebbe diventare permanente,”come ha detto il Dr Faisal Zawawi, un otorinolaringoiatra presso la McGill University Health Centre in Canada.

Lo studio è stato eseguito su un periodo di 15 giorni e condotto su 24 cavie divise in tre gruppi. Il primo gruppo è stato esposto alla caffeina; l’altro è stato esposto al rumore o “stimolazione acustica” non dissimile da quello che si sente a un concerto rock (110 dB) per un’ora; e l’ultimo gruppo è stato esposto sia a caffeina che a un forte rumore al primo e all’ottavo giorno delle prove.

I risultati mostrano che le cavie che erano state esposte a caffeina e suoni forti allo stesso tempo, hanno avuto una ripresa molto più lenta della perdita dell’udito causata dal rumore rispetto al gruppo che è stato esposto solo ai suoni.

I ricercatori hanno in programma di ampliare la ricerca sull‘uomo.

Lo studio è stato pubblicato sul Journal of American Medical Association

Fonte: www.scienceworldreport.com

Condividi : Share on FacebookTweet about this on Twitter

Dott. Leonardo Tei

Foto dell'autore
Medico di medicina generale. Attualmente specializzando. Su Cisento.com curo gli approfondimenti medico-scientifici e sono sempre a disposizione per rispondere a domande o richieste in questo ambito.

 Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Cerca