2017-04-19_14h10_41

Molti chiedono se il tinnito o acufene può essere curato. Come si può fermare questa fastidioso ronzio? Esiste un rimedio?

Squilli, sibili, ronzii, fruscii, tintinnii, crepitii  – il tinnito può assumere molte forme. Il rumore fastidioso nell’orecchio varia da un malato di acufene ad un altro. Così come varia l’impatto dell’acufena sulla vita delle persone. Alcuni si abituano al rumore continuo con relativa facilità, mentre altri sono spinti alla disperazione.

La sensazione di impotenza spinge chi soffre di tinnito alla ricerca di ogni tipo di sollievo e spesso queste persone sono vulnerabili alle affermazioni altamente discutibili e infondate sui nuovi metodi di trattamento o addirittura cure. Mentre le conoscenze specialistiche sul tinnito sono in aumento, molti aspetti rimangono poco chiari. E molti tipi di cure sono offerti senza documentazione scientifica. La lista dei presunti trattamenti al tinnito efficaci, sia in TV, su Internet o sulla stampa, è in crescita.

“Non c’è carenza di richieste di aiuto e nemmeno di fals promesse”, spiega Thomas Lübbert dal gruppo di supporto contro il tinnito “Freizeichen” a Friburgo , in Germania.

La psicologia gioca un ruolo importante nel tinnito, e chi soffre di acufeni può effettivamente beneficiare di molte opportunità, specialmente se includono il rilassamento e la consulenza.

“Tali trattamenti sono tentativi di terapia, alcune persone possono essere aiutate , che è bene, ma non vi è alcuna base scientifica per loro “, dice il Tinnitus-Care-Centrum a Tubinga, in Germania.

Il trattamento degli acufeni varia da paese a paese. In Germania, per esempio, alcuni medici raccomandano che alle persone con tinnito di ricevere cure mediche che possono essere combinate con conseguente terapia psicologica e rilassamento. Il trattamento può alleviare il senso di irritazione dal suono nell’orecchio o rendere più facile vivere con essa.

Le terapie mediche, sempre empiriche, possono essere costituite da infusioni di cortisone per 3 giorni consecutivi, da infusioni di soluzioni reologiche o di vitamine. La risposta a queste terapie è sempre molto varia. Ma un tentativo può essere fatto.

Se nulla porta beneficio si può ricorrere agli apparecchi acustici o a dispositivi che mascherano il suono.

Si consiglia sempre di rivolgersi al proprio medico curante o allo specialista in Otorinolaringoiatria.

Fonte: www.netdoktor.de

Condividi : Share on FacebookTweet about this on Twitter

Dott. Leonardo Tei

Foto dell'autore
Medico di medicina generale. Attualmente specializzando. Su Cisento.com curo gli approfondimenti medico-scientifici e sono sempre a disposizione per rispondere a domande o richieste in questo ambito.

 Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Cerca