2016-02-21_17h54_02

Secondo una ricerca americana gli insegnanti sperimentano, in misura maggiore rispetto ad altre professioni, una perdita dell’udito. Purtroppo molti non ricorrono al medico per farsi curare.

Lo studio, condotto da Wakefield Research negli USA, dimostra che il 15% degli insegnanti americani hanno una perdita uditiva. Le altre categorie di lavoratori sono invece colpite solo nel 12% dei casi. La causa sarebbe da ricercare incredibilmente nell’ambiente di lavoro rumoroso. Una normale lezione scolastica, magari con una classe non troppo motivata, può essere effettivamente rumorosa.

Se si prendono in considerazione solamente giovani insegnanti, la differenza con altre categorie professionale si fa ancora più grande.  Gli insegnanti di età compresa tra i 18 e i 44 anni sono colpiti nel 26% dei casi da perdita uditiva, mentre gli altri tipi di lavoratori della stessa età sono colpiti nel 17% dei casi.

La metà degli insegnanti in cui si sospetta una perdita di udito riportano di dover spesso chiedere al proprio interlocutore di ripetere ciò che è stato detto. Un terzo di loro fraintende invece cosa viene detto. Un quarto si lamenta infine di aver provato stanchezza o addirittura stress dopo aver parlato e ascoltato a lungo.

Secondo lo studio, il 27% degli insegnanti sospetta di avere una perdita uditiva, ma non cerca aiuto.

Lo studio è stato condotto da Wakefield Research per EPIC Hearing Healthcare.

Sarebbe interessante conoscere la situazione in Italia. Se siete insegnanti, comunque, stati attenti al vostro udito e per ogni dubbio rivolgetevi al vostro medico!

Fonte: www.virtualpressoffice.com, www.hear-it.org/teachers-are-higher-risk-noise-induced-hearing-loss

Condividi : Share on FacebookTweet about this on Twitter

Dott. Leonardo Tei

Foto dell'autore
Medico di medicina generale. Attualmente specializzando. Su Cisento.com curo gli approfondimenti medico-scientifici e sono sempre a disposizione per rispondere a domande o richieste in questo ambito.

 Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Cerca