Acquisto Apparecchi Acustici: quanto si temporeggia?

Secondo le indagini europee EuroTrak, quasi tre persone su quattro con perdita dell’udito acquistano apparecchi acustici entro i tre anni successivi al momento in cui diventano consapevoli della loro perdita di udito.

Nelle indagini EuroTrak 2015, effettuate in una serie di paesi europei,  è stato chiesto alle persone quanti anni erano passati tra il momento in cui sono venuti a conoscenza della loro perdita di udito e il momento in cui hanno acquistato gli apparecchi acustici. Più della metà degli intervistati aveva aspettato 1 o 2 anni.

Le indagini hanno scoperto che il 25% per cento degli intervistati in Europa aveva acquistato i loro apparecchi acustici entro il primo anno. Il 25% di loro aveva fatto l’acquisto uno o due anni dopo che sono diventati consapevoli della loro perdita di udito. Il 71% hanno acquistato l’apparecchio acustico entro 3 anni.

In Germania, il 26% aveva acquistato apparecchi acustici entro il primo anno e il 77% aveva acquisito i loro apparecchi acustici entro tre anni dopo essere diventati consapevoli del loro problema di udito. Nel Regno Unito, le cifre erano 18% e 69%, rispettivamente. In Francia, il 20% aveva acquistato apparecchi acustici entro il primo anno e il 63% entro tre anni. In Italia, il 35% aveva acquistato apparecchi acustici entro il primo anno e il 80% aveva acquisito i loro apparecchi acustici entro tre anni.

Le indagini EuroTrak circa udito e perdita dell’udito sono svolte in una serie di paesi europei da parte di EHIMA (European Hearing Instrument Manufactures Association). I sondaggi EuroTrak di EHIMA sono svolte in collaborazione con la società di analisi svizzera Anovum.

Fonte: www.ehima.com

Dott. Leonardo Tei

Foto dell'autore
Medico di medicina generale, da sempre vicino ai temi legati all'udito e a tutto quello che ne concerne. Su Cisento.com curo sia gli approfondimenti tecnici che quelli medico-scientifici e sono sempre a disposizione per rispondere a domande o richieste in questo ambito.

Articoli correlati:

 Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Cerca nel sito