Classificazione delle perdite uditive

Nella perdita dell’udito sono implicati molti meccanismi fisiopatologici. A seconda delle strutture coinvolte in queste alterazioni, si possono raggruppare le perdite dell’udito in diversi gruppi.

Le perdite uditive possono essere classificate in tre tipi:

Neurosensoriale, che coinvolge l’orecchio interno, la coclea o il nervo acustico.

Conduttiva, che coinvolge qualsiasi causa che limiti in qualche modo l’accesso dell’onda acustica dall’esterno all’orecchio interno. Esempi sono il tappo di cerume, le secrezioni dell’orecchio medio.

Perdita mista, che è una combinazione di perdita uditiva conduttiva e neurosensoriale.

L’ipoacusia conduttiva è solitamente correlata ad anomalie dell’orecchio esterno o medio; l’ipoacusia neurosensoriale è correlata alla patologia dell’orecchio interno.

Dott. Leonardo Tei

Foto dell'autore
Medico di medicina generale, da sempre vicino ai temi legati all'udito e a tutto quello che ne concerne. Su Cisento.com curo sia gli approfondimenti tecnici che quelli medico-scientifici e sono sempre a disposizione per rispondere a domande o richieste in questo ambito.

Articoli correlati:

 Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Cerca nel sito