Anatomia dell’orecchio

In questo articolo cercheremo di spiegare sinteticamente l’anatomia dell’orecchio e la fisiologia dell’udito.

L’orecchio è diviso anatomicamente in tre parti:

L’orecchio esterno, che comprende il padiglione auricolare e il canale uditivo

L’orecchio medio, che comprende la membrana timpanica (TM), gli ossicini e lo spazio dell’orecchio medio

L’orecchio interno, che comprende la coclea, i canali semicircolari e i canali uditivi interni

Anatomicamente, il padiglione auricolare, o orecchio esterno, è un organo costruito in modo unico. È perfettamente progettato per “catturare” le onde sonore in entrata e poi incanalarle nel canale uditivo esterno (EAC).

Le onde sonore fanno vibrare il timpano, causando il movimento degli ossicini che si traduce nell’effetto a stantuffo della staffa. Il movimento del pistone delle staffe spinge poi il fluido dell’orecchio interno ai due giri e mezzo della coclea.

Il movimento specifico della frequenza genera onde fluide all’interno della coclea, che a sua volta mettono in moto l’organo di Corti.

L’organo del movimento di Corti piega le stereocilia, che convertono questa azione meccanica in segnale elettrico cioè il vero e proprio messaggio uditivo che viaggia attraverso il nervo cocleare (uditivo) fino al cervello. Il cervello organizza le informazioni in ciò che percepiamo come suoni complessi.

Dott. Leonardo Tei

Foto dell'autore
Medico di medicina generale, da sempre vicino ai temi legati all'udito e a tutto quello che ne concerne. Su Cisento.com curo sia gli approfondimenti tecnici che quelli medico-scientifici e sono sempre a disposizione per rispondere a domande o richieste in questo ambito.

Articoli correlati:

 Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Cerca nel sito