In questo articolo potrete trovare dei suggerimenti utili per un uso ottimale degli apparecchi acustici.
Per chi ha acquistato da poco un apparecchio, questi consigli risulteranno molti importanti, ma anche i più esperti potranno scoprire tante curiosità.

consigli_ricordati_di

E’ giusto ricordare che l’apparecchio acustico non ridona la quantità di udito perduta in natura, ma sono progettati per amplificare e trasmettere il suono all’orecchio in modo da compensare l’ipoacusia e se usato in maniera costante, riesce ad apportare un beneficio completo.

Gli apparecchi acustici devono essere usati SOLO dal proprietario, in quanto sono programmati in modo specifico per la propria ipoacusia. Se usati da altre persone, potrebbero addirittura danneggiarne l’udito!

In alcuni casi, dopo la prima applicazione, potrebbero comparire irritazione, dolore o aumento di cerume, perché le vostre orecchie non sono abituate ad indossare oggetti estranei e di conseguenza vi è un cambiamento delle condizioni naturali del vostro condotto.
Se presentate uno di questi sintomi è comunque consigliabile parlarne con il vostro audioprotesista di fiducia.

Quando l’apparecchio acustico non è in uso, è opportuno lasciare il vano batteria aperto, in modo da permettere all’umidità di evaporare e assicurarsi sempre che sia ben asciutto e pulito dopo ogni uso.

Non indossare l’apparecchio acustico durante il bagno o la doccia, e non immergerlo nell’acqua!!!

Se l’apparecchio si bagna non asciugarlo con fonti di calore eccessive (asciugacapelli, forno ecc..), ma aprite immediatamente lo sportello della batteria e lasciar asciugare in modo naturale per 24 ore.

Usate sempre batterie nuove, restituendo quelle vecchie all’audioprotesista.
Se prevedete di non utilizzare il vostro apparecchio acustico per molto tempo, rimuovete la batteria!

N.B. Spegnere sempre l’apparecchio quando non viene utilizzato!

Condividi : Share on FacebookTweet about this on Twitter

Dott. Lucia Bigiarini

Foto dell'autore
Sono Tecnico Audioprotesista, ho conseguito la laurea presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Siena. In Italia ho lavorato in una delle aziende audioprotesiche più attive a livello mondiale nella commercializzazione di soluzioni uditive. Attualmente lavoro come Audioprotesista per un'azienda austriaca.

 Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Cerca