resound

La storia di ReSound inizia nel 1943, e da allora l’azienda ha giocato un ruolo fondamentale nel settore acustico. La sede principale dell’impresa si trova in Danimarca, ma è presente sul mercato globale in più di 80 paesi.
ReSound fa parte del Gruppo GN ReSound, uno dei maggiori produttori mondiali di apparecchi acustici e di strumenti diagnostici audiologici.

In tutti questi anni ReSound si è impegnata molto nella ricerca audiologica, creando soluzioni acustiche innovative, che uniscono un piacevole design ad una eccellente tecnologia, adoperandosi comunque continuamente di progettare apparecchi acustici migliori, che aiutino le persone a riscoprire l’udito per poter così vivere un vita soddisfacente.

Ecco ora le principali famiglie di apparecchi acustici ReSound presenti sul mercato:

  • ReSound LiNX
  • ReSound Verso TS
  • ReSound ENZO
  • ReSound Magna
  • ReSound Verso
  • ReSound Lex
  • ReSound Alera
  • ReSound Up
  • ReSound Vea

La maggior parte dei modelli di apparecchi ReSound è compatibile con la vasta scelta di accessori di connettività Wireless, che una volta collegati appunto agli apparecchi acustici, fungono quasi da “ponte di collegamento” con i diversi dispositivi di uso quotidiano, come televisori, telefoni cellulari, offrendo così migliori performance e maggiore supporto nelle situazioni di ascolto più difficili.

Condividi : Share on FacebookTweet about this on Twitter

Dott. Lucia Bigiarini

Foto dell'autore
Sono Tecnico Audioprotesista, ho conseguito la laurea presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Siena. In Italia ho lavorato in una delle aziende audioprotesiche più attive a livello mondiale nella commercializzazione di soluzioni uditive. Attualmente lavoro come Audioprotesista per un'azienda austriaca.

1 Commento

Camillo Pellegatti13 ottobre 2017 alle 13:19

Sono purtroppo a manifestare il mio disaccordo; da quasi due anni uso gli apparecchi ReSound in sostituzione ai precedenti Phonak e sono spesso costretto a ricorrere all’AP per problemi vari: sostituire filtri, problemi con l’accoppiamento ad iPhone, ecc. Mi sono appena stati consegnati dopo 15 giorni di intervento per problemi all’elettronica e già mi trovo a dover andare dal’ AP perché il dx non funziona. Morale: insoddisfatto dell’acquisto fatto considerato anche la notevole spesa (7000 costo degli apparecchi scontato a 5000 in quanto già cliente). Cordiali saluti. Camillo Pellegatti

 Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Cerca