Il nuovo Oticon Opn, disponibile sul mercato di audioprotesi dal 2016, rappresenta un punto di svolta per l’azienda Oticon stessa, la quale sostiene che una perdita uditiva di qualsiasi entità riduce la quantità di dettagli sonori ricevuti dal cervello: meno sono i dettagli più il cervello fa fatica a decifrare i suoni, ma con Oticon Opn siamo in grado di ridurre il rumore con precisione e rapidità, offrendo un ascolto naturale a 360° nel quale possiamo spostare la nostra attenzione ogni volta che lo desideriamo.

Esistono tre modelli di apparecchi acustici retroauricolari Oticon Opn

  • Il miniRITE, sottile e discreto, offre l’opzione delle batterie ricaricabili. Per perdite dell’udito da lievi a gravi.
  • Il miniRITE-T ha un doppio pulsante e dispone di una bobina magnetica per un migliore ascolto in teatri, chiese o altri luoghi pubblici dotati di sistemi a loop**. Per perdite dell’udito da lievi a gravi.

miniRITE e miniRITE-T utilizzano tre diversi ricevitori (altoparlanti) esterni scelti a seconda della perdita uditiva da recuperare

  • Il BTE13 PP dispone anche questo modello di una bobina magnetica per una migliore esperienza di ascolto in teatri, chiese o altri luoghi pubblici dotati di sistemi a loop e di un indicatore LED che monitora lo stato dell’apparecchio acustico utile soprattutto per genitori o tutori. Ideale per perdite dell’udito da gravi a profonde.

Oticon Opn è robusto e affidabile ed ha la certificazione IP68 di resistenza alla polvere e all’acqua. Tutti i componenti vitali hanno un rivestimento interno ed esterno nano-coated.

Di ogni modello vi è poi un ulteriore classificazione Oticon Opn 1, Opn 2 e Opn 3 che assicurano un accesso a 360° all’ambiente sonoro, ma differiscono nel modo in cui supportano ed aiutano il cervello a dare un senso ai suoni.

 

(**Il sistema ad hearing loops porta il suono direttamente a chi è dotato di apparecchio acustico. Il sistema utilizza il ricevitore con funzione T-coil posto nell’apparecchio acustico. I fruitori devono solamente regolare l’ausilio acustico alla modalità T- coil per poter ricevere il suono. Questa soluzione è molto pratica in situazioni dove vengono forniti servizi alla clientela come sportelli bancari o biglietterie. Lo stesso concetto vale per le strutture pubbliche di notevoli dimensioni come stadi, campi sportivi, sale convegni e auditorium, cinema e teatri, chiese e luoghi di culto, oppure per spazi di dimensioni più ridotti come sale riunioni ed aule scolastiche. Infine può essere un valido aiuto nei veicoli rumorosi come treni, tram e autobus, automobili e taxi.)

Dott. Lucia Bigiarini

Foto dell'autore
Sono Tecnico Audioprotesista, ho conseguito la laurea presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Siena. In Italia ho lavorato in una delle aziende audioprotesiche più attive a livello mondiale nella commercializzazione di soluzioni uditive. Attualmente lavoro come Audioprotesista per un'azienda austriaca.

 Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Cerca nel sito