Gli apparecchi acustici “open fitting”  possono essere considerati una variante molto più comoda degli apparecchi acustici retroauricolari e rappresentano un’importante novità per le persone che presentano perdite di udito iniziali o con deficit prevalente sulle frequenze medio acute ( 1000-6000 HZ ) e con la conservazione delle frequenze gravi ( 125-1000 HZ ).


In poche parole l’apparecchio interverrà soltanto sulle frequenze acute, mentre le gravi saranno normalmente amplificate dall’ orecchio. Questo permetterebbe di non creare senso di occlusione del condotto uditivo.

open

La rivoluzione degli open fitting sta proprio nell’avvalersi di auricolari aperti che permettono al suono di entrare liberamente nell’orecchio senza bisogno di occludere il condotto uditivo.
La cupolina, che infatti entra nell’orecchio, è fatta in silicone morbido e ciò la rende molto comoda. Inoltre è forata, il che permette il normale passaggio di aria nel condotto rendono l’ascolto molto più naturale senza effetti di autofonia e occlusione.

Negli apparecchi Open Fitting, tutte le componenti elettroniche sono posizionate nel guscio che viene indossato dietro il padiglione auricolare (come mostra in trasparenza l’immagine) , mentre il suono amplificato arriva nell’orecchio tramite un tubicino siliconico molto sottile (circa 1 mm di diametro), collegato all’estremità alla cupolina siliconica sopra descritta.

Anche per quanto riguarda il fattore estetico questi apparecchi sono davvero piccoli e poco visibili una volta indossati.

Dott. Lucia Bigiarini

Foto dell'autore
Sono Tecnico Audioprotesista, ho conseguito la laurea presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Siena. In Italia ho lavorato in una delle aziende audioprotesiche più attive a livello mondiale nella commercializzazione di soluzioni uditive. Attualmente lavoro come Audioprotesista per un'azienda austriaca.

4 Commenti

giuseppe8 settembre 2017 alle 15:01

Dottoressa, Le volevo chiedere un a informazione rigardante mio padre 93 anni il quale da qualche tempo non sente bene.
Ho fatto fare un audiogremma dal tecnico Amplifon e l’ipocusia perte da -30 e con una curva sempre in discesa arriva a 80 dB metre suil altro da 40-45 a 80 dB (simile all’altra)
La mia domanda e’ ” si possono usare delle protesi siemens infiniti sp che usava mia madre? che sono ancore funzionanti? Saluti e grazie

Lucia Bigiarini12 settembre 2017 alle 8:41

L’apparecchi Infiniti sp (superPower) andrebbe bene per persone con una ipoacusia medio-grave (legga anche questo articolo per capite meglio i vari tipi di sordità: http://www.cisento.com/cosa-ce-da-sapere/come-trovarsi-preparati-per-affrontare-lesame-audiometrico/) e in questo caso sarebbe possibile, facendo delle chiocciole su misura dell’orecchio di suo padre, utilizzare questi apparecchi. Ma leggendo la descrizione dell’esame audiometrico che mi ha scritto, questo tipo di apparecchi secondo me é troppo potente, potrebbe provare con un modello openFitting o comunque con un apparecchio con chiocciole, ma non di questa potenza.
L’unica cosa che le posso dire é comunque di provare con questi Infiniti sp, magari va bene e non ha bosogno di altro.

    umberto morana14 novembre 2017 alle 14:40

    dottoresa . le volefo chiedere se posso portare l’open fitting
    io porto tbe verrso la pia perdita e abbastanza profonda
    la ringrazio
    saluti Umberto

      Lucia Bigiarini14 novembre 2017 alle 16:07

      Salve

      Gli apparecchi Open fitting sono adatti per le persone che presentano perdite di udito iniziali o con deficit prevalente sulle frequenze medio acute ( 1000-6000 HZ ) e con la conservazione delle frequenze gravi ( 125-1000 HZ ).

      Avendo lei una ipoacusia profonda, l’utilizzo di apparecchi bte è sicuramente da favorite in quanto vi è maggior margine di gestione dell’amplificazione. E se poi è già abituato a questo tipo di apparecchio, probabilmente gli open fitting risulterebbero “quasi” inutili, nel senso che non troverebbe differenza tra averli o no.

Rispondi a giuseppe Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Cerca nel sito