Gli apparecchi acustici CROS, sono stati progettati per aiutare quelle persone che soffrono di anacusia monolaterale, cioè di una perdita totale o quasi dell’udito da un lato e un udito normale dall’altro, o individui con una perdita totale da un lato e una certa perdita dell’udito nell’orecchio migliore.

Esistono due versioni di questi sistemi: Sistema CROS, che viene utilizzato per aiutare quelle situazione dove si ha un’orecchio migliore ed uno peggiore;
Sistema BiCROS, che invece viene consigliato quando entrambe le orecchie presentano sordità, ma con una consistente differenza.

Sistema CROS e sistema BiCROS

cros

I sistemi CROS sono costituiti da due apparecchi (che possono essere BTE o ITE), posti su entrambe le orecchie, che comunicano tra loro grazie alla tecnologia wireless.

Nel caso di Sistema CROS, il trasmettitore viene posto sull’orecchio cosiddetto “peggiore”, che riceve i suoni provenienti da quel lato e li ritrasmette istantaneamente all’apparecchio acustico posto sull’orecchio “migliore”, creando così un effetto reale di profondità ambientale e lasciando inalterata e naturale la qualità sonora.

Nel caso invece di Sistema BiCROS, un trasmettitore viene sempre posizionato nell’orecchio “peggiore”, che raccoglie il suono e poi lo invia all’apparecchio acustico dell’orecchio “migliore”. Ma dato che anche l’orecchio “migliore” ha una perdita uditiva, un secondo microfono, presente sempre sull’apparecchio dello stesso, raccoglie il suono proveniente dal suo lato e contemporaneamente amplifica tutti i suoni, cioè quelli da esso raccolti e quelli inviategli dal trasmettitore posto sull’altro orecchio.

Dott. Lucia Bigiarini

Foto dell'autore
Sono Tecnico Audioprotesista, ho conseguito la laurea presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Siena. In Italia ho lavorato in una delle aziende audioprotesiche più attive a livello mondiale nella commercializzazione di soluzioni uditive. Attualmente lavoro come Audioprotesista per un'azienda austriaca.

6 Commenti

Marika2 marzo 2017 alle 17:01

Buongiorno
Circa un anno fa sono stata operata di neurinoma al acustico perdendo totalmente l’udito (al lato sx)
Il medico che mi ha operato mi ha consigliato di provare l’apparecchio acustico Cros…..chiedevo a Lei alcune informazioni in piu e volevo sapere se ci sono delle agevolazioni
Grazie
Grazie

Giuseppe Moraldi12 giugno 2017 alle 22:22

Buonasera, vorrei sapere per una visita ed una prova e quanto costa, io ho avuto un ipocusia improvvisa all’orecchio dx con la perdita del 60 70 e sento i suoni acufenici , pensavano nel 2004 che fosse un tumore visto che ho perso dei familiari, vorrei sapere se fate prove e altre informazioni.Grazie

    Lucia Bigiarini13 giugno 2017 alle 20:40

    Salve.
    Le consiglio di rivolgersi direttamente ad un centro specializzato in audioprotesi, dove troverà tecnici in grado di rispondere a tutte le sue domande. Solitamente la prova di apparecchi acustici é gratuita ed i prezzi degli stessi ovviamente variano in base alla scelta che viene fatta e nel prezzo totale finale sono (teoricamente) comprese anche tutte le visite fatte.

Beppe10 maggio 2018 alle 15:07

salve,sono un uomo di 68 anni,vivo a Torino, soffro di ipoacusia, sono invalido 67%,sin dalla mia infanzia,non essendo nato sordo,e quando ero piccolo, i miei genitori,mi fecero portare nel collegio dei sordomuti,e per dieci anni,ho vissuto con i miei compagni senza voce,solamente gesti con le mani e labbra,poi un giorno mia madre mi venne a prendere, per poi vivere fuori ambiente normale con le persone,e frequentare nelle scuole con i ragazzi senza problemi di udito,però devo ammettere che,ho fatto molto fatica a sentire e capire le parole,
in passato avevo avuto per ben tre volte apparecchi acustici,sempre a spese dalla Regione,ma dopo un paio di mesi,non mi era servito nulla,faceva tanto rumore tanto non capivo le parole,e poi avendo messo apparecchio acustico nella giornata, le sirene mi stordiva,
avevo provato ad andare all’ospedale per visita audiometrico non ricordo ,se ho fatto 3 o 4 volte a fare controllo,risultato del mio problema è che sarebbe orecchio interno,
per come ho avuto dopo tanto tempo, per il mio problema dell’udito, si trattava del suono acuto,che non sento,ad esempio il suono cellulare, le sirene,il clacson di oggi macchine moderne, le voci femminile,insomma tutto quel che ascoltavo, non riuscivo a sentire e capire le parole,
solo rumori forti e suoni bassi,cosi sono vissuto fin d’ora,
ora che ci sono apparecchi moderni,non saprei quali fa il mio caso,e devo ammettere,che se accetto di prendere quelli migliori ultra tecnologici,la Regione non paga,devo accettare la loro richiesta ,
ora se devo prendere l’apparecchio che fa il mio caso, mi dica che tipo di apparecchio e il prezzo,
naturalmente senza intervento dalla Regione.
grazie

    Lucia Bigiarini11 maggio 2018 alle 11:42

    Salve,
    Se lei ha l‘invalidità riconosciuta, la asl sostiene un contributo per acquistare un certo tipo di apparecchi con delle caratteristiche “standard”. Ma se vuole può comunque acquistare apparecchi con requisiti superiori, utilizzando sempre il contributo dell’asl più una parte che dovrà pagare lei stesso.
    Le consiglio prima di tutto di rifare un controllo da un otorino con attuale esame dell’udito per poi con tutti i documenti necessari andare in un centro di apparecchi acustici e provare le soluzioni che le vengono proposte. Dopo ciò saprà se effettivamente la spesa che deve affrontare vale la pena oppure no.

 Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Cerca nel sito