Gli apparecchi acustici retroauricolari (BTE = Behind The Ear) rappresentano la scelta classica per poter aiutare tutti i livelli di perdite uditive.

A differenza degli apparecchi CIC e RIC,  tutte le componenti elettroniche nella tipologia Retroauricolari, si trovano tutte all’interno del guscio che si indossa posizionato proprio dietro il padiglione auricolare.

Il suono amplificato giunge nell’orecchio mediante un tubicino siliconico collegato, ad una estremità, alla chiocciola.

BTE200x200

Nella parte superiore del guscio dell’apparecchio si trovano i pulsanti che permettono di gestire manualmente il volume ed i programmi di ascolto, in modo da essere facilmente accessibili.

In base al modello scelto, gli apparecchi retroauricolari possono essere applicati anche con la soluzione “Open Ear” (OpenFitting). Le versioni con Open Ear permettono di lasciare il condotto uditivo aperto. Questo significa che se determinate frequenze sono ancora udibili, l’auricolare sarà realizzato in modo da consentire a quelle stesse frequenze di arrivare in modo autonomo al timpano. Non tutte le perdite possono giovare della soluzione Open Ear. La scelta di tale sistema è generalmente relegata alle perdite uditive con deficit prevalente sulle frequenze medie e acute (1000-6000 Hz) e con la conservazione delle frequenze gravi (125-1000 Hz).

Naturalmente esistono in commercio numerosissime versioni da abbinare ad altrettante varietà di colori. Il design è molto migliorato negli ultimi anni con risultati piacevoli e moderni.

Dott. Lucia Bigiarini

Foto dell'autore
Sono Tecnico Audioprotesista, ho conseguito la laurea presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Siena. In Italia ho lavorato in una delle aziende audioprotesiche più attive a livello mondiale nella commercializzazione di soluzioni uditive. Attualmente lavoro come Audioprotesista per un'azienda austriaca.

2 Commenti

agostino laudato2 maggio 2018 alle 19:45

Sono affetto da ANACUSIA SN con ACUFENI INVALIDANTI. Mi e’ stato prescritto dall’otorino un SISTEMA CROSS. Questo sistyema agli acufeni nell’orecchio ANACUSICO cosa comporta? Mi fate sapere per favore?

    Lucia Bigiarini3 maggio 2018 alle 8:48

    I sistemi auricolari CROS sono stati creati per aiutare tutte quelle situazioni in cui si soffre di anacusia monolaterale (come nel suo caso).
    Legga questo articolo, forse le potrà chiarire qualche dubbio: http://www.cisento.com/apparecchi-acustici/apparecchi-acustici-tipologia-cros/

    Riportando poi l‘orecchio a sentire in maniera corretta, la sua attenzione non si focalizzerà più sugli acufeni, che verranno mascherati dai suoni e rumori cirscostanti, ma su quello che realmente le interessa.

 Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Cerca nel sito